Il parlamento Europeo aumenta il limite di Thc della canapa industriale da 0,2% a 0,3%.



Il Parlamento europeo ha votato a favore dell'aumento del livello di THC autorizzato per la canapa industriale "sul campo" dallo 0,2% allo 0,3%, un passo critico nel processo di ristabilimento di quel livello di THC per la canapa europea.


La proposta, a lungo sostenuta dall'Associazione europea dell'industria della canapa (EIHA), è stata inclusa nella riforma della politica agricola comune (PAC) adottata oggi dal Parlamento.


"Questo è un momento storico per la nostra industria, per i nostri agricoltori, per un futuro verde e per tutti gli europei", ha detto il presidente dell'EIHA Daniel Kruse. "Infine, l'UE ha nuovamente condizioni di parità con il settore industriale globale della canapa."


Il Parlamento ha inoltre votato a favore dell'inclusione della canapa nell'elenco dei prodotti che possono essere regolamentati mediante norme di commercializzazione volte a migliorare le condizioni economiche per la produzione e la commercializzazione nonché la qualità dei prodotti agricoli.


Tali regole includono una vasta gamma di norme riguardanti aspetti quali definizioni tecniche, etichettatura, imballaggio, sostanze e metodi utilizzati nella produzione, tipo e luogo di coltivazione e altri aspetti coinvolti nella catena del valore della canapa.


Storia europea del THC

I valori limite di THC specifici per l'Europa per la canapa industriale furono fissati per la prima volta allo 0,5% nel 1984. Il limite fu successivamente ridotto allo 0,3% sulla base di uno standard stabilito negli anni '70 dall'International Association for Plant Taxonomy (IAPT) e sulla base del lavoro. degli scienziati vegetali americani Ernest Small e Arthur Cronquist. Il loro lavoro per l'IAPT ha stabilito lo 0,3% di THC (peso secco) come linea di demarcazione tra cannabis sativa ("canapa") e cannabis indica ("marijuana"). L'Unione Europea nel 1999 ha ulteriormente ridotto la quantità consentita di THC per la canapa allo 0,2% in uno sforzo fuorviante volto a prevenire la coltivazione della marijuana nei campi di canapa industriale.


EIHA ha sempre sostenuto che aumentare il limite di THC allo 0,3% non avrebbe alcun effetto evidente sulla produzione illecita di cannabis, citando ripetutamente studi che hanno dimostrato che non c'è più rischio per la sicurezza nella canapa contenente lo 0,3% rispetto alla canapa con lo 0,2% di THC. Man mano che tale limite è stato mantenuto, l'Europa si è trovata sempre più in svantaggio poiché la legalizzazione della canapa si è diffusa a livello globale e la maggior parte dei paesi ha adottato lo standard dello 0,3% di THC. La barriera dello 0,2% di THC si è specificamente dimostrata un ostacolo per i produttori di CBD perché il CBD nella canapa aumenta in proporzione al THC. Scienziati e ricercatori europei non sono stati quindi incentivati ​​a sviluppare varietà di semi ad alto rendimento e ceppi ad alto contenuto di CBD che sono ora molto richiesti. Tali ceppi sono assenti qualsiasi THC significativo, ma possono comunque superare il limite dello 0,2%. Allo stesso tempo, diverse varietà di semi di canapa ad alto rendimento, specialmente dall'Europa orientale, non sono state vitali per la produzione con il vincolo dello 0,2% di THC.


Fonte: (hemptoday.net)


47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti